Incidente sulla piattaforma Eni ad Ancona, ferito un operaio pugliese

E’ residente a Mola di Bari uno dei due operai rimasti feriti nell’incidente sulla piattaforma Eni Barbara F avvenuto ieri al largo di Ancona. 
Gli operai erano impegnati in operazioni di trasbordo di un bombolone di azoto, quando la gru di sollevamento, pare a causa di un cedimento delle infrastrutture su cui era installata, si è staccata. Nella caduta, sia la cabina sia la gru sarebbero finite sulla barca appoggio sulla quale doveva essere posizionata la bombola di azoto, a bordo della quale si trovavano i due operai rimasti feriti, un 46enne di Mola e un 52enne di Catania. L’uomo che si trovava nella cabina di pilotaggio della gru inabissatasi è un 63enne abruzzese; il corpo è stato individuato a circa 70 metri di profondità.
L’operaio di Mola coinvolto nell’incidente, 47 anni, lavorava per una ditta di Ravenna. Non è in pericolo di vita: è giunto in ospedale ad Ancona con un trauma cranico, ferita lacerocontusa del cuoio capelluto, trauma toracico e fratture costali. Ha riportato una prognosi di 30 giorni.“


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *