L’UGL Basilicata chiede una Policoro più decorosa

“Un invito forte alle Istituzioni a ripristinare le normali condizioni di pulizia e di decoro della città di Policoro (MT) lo rivolge il sindacato dell’Unione Generale del Lavoro di Basilicata nell’auspicio che il commissario Prefettizio del Comune, Dr. Alberigo Gentile, intervenga straordinariamente sulla situazione della raccolta dei rifiuti. E’ di tutta evidenza – dice la nota UGL – che Policoro vive in questo momento una situazione di sofferenza. Le condizioni di molte zone della città, le giuste, civili e silenziose proteste dei cittadini, evidenziano il chiaro segnale che vi sono dei servizi in arretrato che nulla hanno di colpevolezza gli operatori ecologici, ai quali da parte dell’UGL và tutta la solidarietà e gratitudine per quel servizio che stanno svolgendo con immensa abnegazione e senso di responsabilità. C’è necessità di assumere ed impiegare altro personale per raggiungere gli ottimali tempi lavorativi soprattutto, tempi certi e rapidi per un ritorno alla normalità nella raccolta dei rifiuti. E’ evidente, quindi, priorità del Commissario della città e dei cittadini che la vivono sono, l’efficienza dei servizi e le risposte immediate da parte dell’azienda appaltatrice della raccolta sulla pulizia di Policoro che, a parere dell’UGL, nessuna colpa ha oggi se tale servizio non viene garantito con organizzazione. Intanto in diverse zone della città ci sono cumuli di spazzatura nonostante le poche squadre sono già al lavoro per rimuoverli. Bisogna recuperare l’equivalente raccolta di giorni – conclude la nota dell’UGL Basilicata – quotidianamente vanno garantiti e rimossi i rifiuti per strada, ci sono postazioni critiche un po’ a macchia di leopardo in tutta la città che, nei fine settimana la situazione peggiora. Policoro non merita di rimanere sporca per la salute dei cittadini, per il bene del territorio, di quel patrimonio turistico che la cittadina del mar Ionio ne possiede ed in concomitanza di una stagione balneare estiva prossima alle porte che potrebbe essere gravemente compromessa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *