Operai ex reddito minimo senza stipendi da mesi

“Alcuni di noi non prendono i soldi dal mese di dicembre del 2018. E’ una vergogna”. A parlare è un’operaia appartenente alla platea dell’ex reddito minimo di inserimento che, attualmente, lavora con il Consorzio di Bonifica, impiegata nei cantieri forestali del Vulture Melfese, in provincia di Potenza. La donna, assieme a molti altri colleghi, ha ricominciato a lavorare il 2 luglio scorso dopo aver fatto sole 8 giornate a dicembre 2018.
“Consideri che alcuni di noi non hanno ricevuto nemmeno la disoccupazione dei mesi che siamo stati fermi. Abbiamo ricominciato a lavorare in ritardo e stiamo ancora aspettando che ci paghino il mese di luglio. I soldi (che provengono dall’ex card idrocarburi) sappiamo che ci sono ma non veniamo pagati per una questione burocratica. -afferma – Abbiamo sempre subito questi ritardi  quando al governo della Regione c’era il Pd. Ora che doveva esserci il cambiamento la vergogna continua. Che ci si trovi ormai di fronte ad una situazione incancrenita è del tutto evidente. Niente di nuovo sotto il sole. Persone lasciate senza un reddito, seppure minimo, per mesi. Continui rimpalli, annunci del tipo ‘faremo’, ‘diremo'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *