Operazione Rabbit Hole, 10 persone fermate dalla Polizia

Sono 10 le persone coinvolte dalla indagini, durante oltre un anno, condotte dal commissariato di Pisticci, Scanzano e nella fase finale dalla Squadra Mobile di Matera, che ha evidenziato e fermato un’organizzazione pronta a tutto e ben organizzata che riforniva tre comuni della fascia jonica di droga. Hashish ed eroina in particolare venivano acquistate Taranto e poi smerciate a Pisticci, luogo di incontro un’area periferica ed a Policoro vicino il vecchio ingresso dell’ospedale, nelle vicinanze del Sert. Due le ordinanze di custodia cautelare in carcere, notificare ad Aloisio Giuseppe (classe 1988) stando alle indagini il “capo” dell’organizzazione ma già in carcere e Miglione Salvatore (classe 1990) arrestato in flagranza di reato. Ancora due persone agli arresti domiciliari, Alvarez Giuseppe (classe 1989) e Florio Rocco (1986), poi tre gli obblighi di dimora e persone indagate in stato di libertà, che durante le indagini sono state sottoposte a perquisizione domiciliare e personale. Durante l’incontro con la stampa il dottor De Marco, dirigente del Commissariato di Pisticci, ha sottolineato come negli ultimi tempi sia scesa l’età degli assuntori e di contro il triangolo Pisticci-Scanzano-Policoro si sia riconfermato una “buona piazza” dove rifornirsi, infatti durante il lavoro svolto dalle forze di polizia, tra i clienti sono stati verificati clienti provenienti da Potenza e dalla vicina Calabria. Quasi tuti i membri della rete spaccio, erano anche assuntori e lavoravano come corrieri. I metodi di trasporto i più vari e più meticolosi per non farsi “beccare”, ed infatti nella prima fase delle indagini sono riusciti ad eludere più volte i controlli.In ogni viaggio non venivano mai trasportati più di 15/20 grammi, le dosi per circa due giorni di vendita e facilmente occultabili, infatti il metodo di trasporto “personale” ha rilevano che i corrieri nascondevano le dosi nel proprio ano, in auto invece spesso viaggiavano anche cani, per confondere le unità cinofile, così come la presenza dei tartufi che celava i vari odori.A volte i viaggi avvenivano anche in treno, poco prima del ponte ferroviario sull’Agri, lanciavano la droga fuori dal finestrino che veniva poi recuperata in seguito. A casa di Miglione Salvatore (Pisticci) sono stati ritrovati circa 300 gr di sostanza stupefacente, 140 grammi di hashish e il resto eroina ed il materiale occorrente per il confezionamento.

GUARDA IL VIDEO: httpv://www.youtube.com/watch?v=f1FoFNWDNC8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *