Riunione del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove
punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura
scomparsa di un giovane pisticcese, travolto da un tir sulla S.S. 106 Jonica.
In avvio di seduta, il Consiglio Comunale ha approvato la ratifica di una variazione di bilancio definita con
D.G.C. 93/2018 del valore di 206.623,89€, somma che fa riferimento ai contributi della Regione Basilicata
per gli eventi atmosferici eccezionali di febbraio. Dopo aver approvato all’unanimità un rinvio sul punto
relativo ad un’alienazione di un immobile comunale, la discussione si è spostata sulla revoca dell’adesione
alla Centrale Unica di Committenza del Metapontino, con Scanzano Jonico come Comune capofila: “La
revoca della delibera di Consiglio Comunale del 2016 con cui si aderiva alla Centrale Unica di Committenza
di Scanzano Jonico si è resa necessaria in seguito al venire meno della partecipazione da parte degli altri
Comuni aderenti – ha spiegato il Sindaco Viviana Verri – Il Comune di Pisticci aderirà quindi alla CUC della
Collina Materana, con Stigliano Comune capofila che, nelle prossime settimane, provvederà a deliberare
l’ingresso del comune di Pisticci. La Centrale di Committenza è una convenzione consortile per la fornitura di
opere di importo superiore ai 40.000€, prevista dal Codice degli Appalti”.
Approvate all’unanimità le varianti urbanistiche per i complessi parrocchiali San Gerardo Majella di
Marconia e Stella Maris di Marina di Pisticci: “Si chiudono due procedimenti iniziati nel 2010, portati avanti
dalle precedenti Amministrazioni e ora finalmente giunti a conclusione – ha spiegato l’Assessore
all’Urbanistica Salvatore De Angelis – Con l’approvazione definitiva della variante urbanistica, si sbloccano le
situazioni relative ai due luoghi di culto che saranno realizzati sul territorio”.
Il Consiglio Comunale, sempre all’unanimità, ha approvato anche la presa d’atto per il parere positivo
dell’ASM relativo all’ampliamento del cimitero: “Tale intervento sul cimitero di Pisticci è divenuto una
priorità per la nostra amministrazione e l’approvazione del parere positivo dell’ASM al progetto di
ampliamento costituisce il passaggio propedeutico alla definizione del bando di gara per la sua
realizzazione. Con tale progetto, che prevede l’ampliamento nel versante ovest del cimitero, saranno
realizzate trentotto cappelle familiari da dieci posti e oltre cinquecento colombari, di cui una parte saranno
ceduti all’Amministrazione Comunale affinché li utilizzi per i cittadini meno abbienti. Le nuove unità previste,
dunque, si aggirano intorno al migliaio e metterebbero un freno alle attuali criticità”. Gli ultimi due punti
hanno spostato la discussione sulle interrogazioni delle minoranze consiliari: “La tanto discussa convenzione
tra il Comune di Bernalda e il Comune di Pisticci per l’attingimento di personale dalle graduatorie in
formazione presso il vicino Comune jonico sono state oggetto di forti strumentalizzazioni – ha precisato il
Sindaco Verri – Innanzitutto, non vi è alcun problema di legittimità della delibera che trova la sua ragione
d’essere nelle leggi sul pubblico impiego che consentono alle amministrazioni, per ragioni di economicità ed
efficacia, di operare accordi per reclutare personale tramite le proprie graduatorie. Tra le graduatorie in
corso di formazione presso il Comune di Bernalda per i vari concorsi, l’unica da cui si poteva attingere era
quella relativa all’istruttore contabile, mentre per l’istruttore tecnico avevamo già espletato il concorso e
provveduto ad assumere l’unità prevista nel nostro fabbisogno di personale. Per cui il consigliere Gatto, che
partecipava al concorso di Bernalda per istruttore tecnico, mai avrebbe potuto essere assunto presso il

nostro ente. Già l’anno scorso avevamo attinto dalla graduatoria del Comune di Bernalda per l’assunzione di
un istruttore contabile pisticcese, una professionista molto valida che in questo anno ha dimostrato tutte le
sue capacità. LIl Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove
punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura
scomparsa di un giovane pisticcese, travolto da un tir sulla S.S. 106 Jonica.
In avvio di seduta, il Consiglio Comunale ha approvato la ratifica di una variazione di bilancio definita con
D.G.C. 93/2018 del valore di 206.623,89€, somma che fa riferimento ai contributi della Regione Basilicata
per gli eventi atmosferici eccezionali di febbraio. Dopo aver approvato all’unanimità un rinvio sul punto
relativo ad un’alienazione di un immobile comunale, la discussione si è spostata sulla revoca dell’adesione
alla Centrale Unica di Committenza del Metapontino, con Scanzano Jonico come Comune capofila: “La
revoca della delibera di Consiglio Comunale del 2016 con cui si aderiva alla Centrale Unica di Committenza
di Scanzano Jonico si è resa necessaria in seguito al venire meno della partecipazione da parte degli altri
Comuni aderenti – ha spiegato il Sindaco Viviana Verri – Il Comune di Pisticci aderirà quindi alla CUC della
Collina Materana, con Stigliano Comune capofila che, nelle prossime settimane, provvederà a deliberare
l’ingresso del comune di Pisticci. La Centrale di Committenza è una convenzione consortile per la fornitura di
opere di importo superiore ai 40.000€, prevista dal Codice degli Appalti”.
Approvate all’unanimità le varianti urbanistiche per i complessi parrocchiali San Gerardo Majella di
Marconia e Stella Maris di Marina di Pisticci: “Si chiudono due procedimenti iniziati nel 2010, portati avanti
dalle precedenti Amministrazioni e ora finalmente giunti a conclusione – ha spiegato l’Assessore
all’Urbanistica Salvatore De Angelis – Con l’approvazione definitiva della variante urbanistica, si sbloccano le
situazioni relative ai due luoghi di culto che saranno realizzati sul territorio”.
Il Consiglio Comunale, sempre all’unanimità, ha approvato anche la presa d’atto per il parere positivo
dell’ASM relativo all’ampliamento del cimitero: “Tale intervento sul cimitero di Pisticci è divenuto una
priorità per la nostra amministrazione e l’approvazione del parere positivo dell’ASM al progetto di
ampliamento costituisce il passaggio propedeutico alla definizione del bando di gara per la sua
realizzazione. Con tale progetto, che prevede l’ampliamento nel versante ovest del cimitero, saranno
realizzate trentotto cappelle familiari da dieci posti e oltre cinquecento colombari, di cui una parte saranno
ceduti all’Amministrazione Comunale affinché li utilizzi per i cittadini meno abbienti. Le nuove unità previste,
dunque, si aggirano intorno al migliaio e metterebbero un freno alle attuali criticità”. Gli ultimi due punti
hanno spostato la discussione sulle interrogazioni delle minoranze consiliari: “La tanto discussa convenzione
tra il Comune di Bernalda e il Comune di Pisticci per l’attingimento di personale dalle graduatorie in
formazione presso il vicino Comune jonico sono state oggetto di forti strumentalizzazioni – ha precisato il
Sindaco Verri – Innanzitutto, non vi è alcun problema di legittimità della delibera che trova la sua ragione
d’essere nelle leggi sul pubblico impiego che consentono alle amministrazioni, per ragioni di economicità ed
efficacia, di operare accordi per reclutare personale tramite le proprie graduatorie. Tra le graduatorie in
corso di formazione presso il Comune di Bernalda per i vari concorsi, l’unica da cui si poteva attingere era
quella relativa all’istruttore contabile, mentre per l’istruttore tecnico avevamo già espletato il concorso e
provveduto ad assumere l’unità prevista nel nostro fabbisogno di personale. Per cui il consigliere Gatto, che
partecipava al concorso di Bernalda per istruttore tecnico, mai avrebbe potuto essere assunto presso il

nostro ente. Già l’anno scorso avevamo attinto dalla graduatoria del Comune di Bernalda per l’assunzione di
un istruttore contabile pisticcese, una professionista molto valida che in questo anno ha dimostrato tutte le
sue capacità. La macchina del fango di queste settimane è stata pesante, ma ci ha reso ancora più forti e
coesi: siamo convinti di aver agito nella legalità e tutti gli atti, pubblici e trasparenti, sono consultabili sul sito
dell’ente”.
Chiusura sul Regolamento Urbanistico: “Si tratta di un provvedimento fondamentale per il nostro Comune –
ha spiegato De Angelis – Entro la fine dell’estate ci auguriamo di approvare in Consiglio Comunale il Piano di
Protezione Civile aggiornato con le richieste che la Regione Basilicata ci ha fatto pervenire, per procedere
successivamente alla convocazione della Conferenza di Pianificazione. Il Regolamento Urbanistico sarà
quello dell’attuale Amministrazione Comunale, prevedrà le zone C1, C2 e C3 e non vi saranno perequazioni.
Inoltre, per raggiungere la tanto agognata variante urbanistica del Rione Dirupo, l’Ufficio Tecnico ha
concluso un’indagine abitativa sul Dirupo che ha dato ottimi risultati e ora lavoreremo di concerto con
l’Autorità di Bacino e la Regione per chiudere anche questo iter. Una volta approvato il Regolamento
Urbanistico, un’altra sfida in termini di programmazione sarà il Piano Strutturale Comunale”.a macchina del fango di queste settimane è stata pesante, ma ci ha reso ancora più forti e
coesi: siamo convinti di aver agito nella legalità e tutti gli atti, pubblici e trasparenti, sono consultabili sul sito
dell’ente”.
Chiusura sul Regolamento Urbanistico: “Si tratta di un provvedimento fondamentale per il nostro Comune –
ha spiegato De Angelis – Entro la fine dell’estate ci auguriamo di approvare in Consiglio Comunale il Piano di
Protezione Civile aggiornato con le richieste che la Regione Basilicata ci ha fatto pervenire, per procedere
successivamente alla convocazione della Conferenza di Pianificazione. Il Regolamento Urbanistico sarà
quello dell’attuale Amministrazione Comunale, prevedrà le zone C1, C2 e C3 e non vi saranno perequazioni.
Inoltre, per raggiungere la tanto agognata variante urbanistica del Rione Dirupo, l’Ufficio Tecnico ha
concluso un’indagine abitativa sul Dirupo che ha dato ottimi risultati e ora lavoreremo di concerto con
l’Autorità di Bacino e la Regione per chiudere anche questo iter. Una volta approvato il Regolamento
Urbanistico, un’altra sfida in termini di programmazione sarà il Piano Strutturale Comunale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *