UDS Bari chiede maggiori finanziamenti per il diritto allo studio

Dalle scuole della città di Bari il messaggio è chiaro: siamo stufi di pagare centinaia di euro per i libri di testo, della condizione nella quale versano i nostri Istituti e la rete di trasporto pubblico. “Abbiamo calato degli striscioni dalle scuole di Bari per lanciare la nostra campagna per il diritto allo studio nella nostra Città. Il messaggio è chiaro: come studenti e studentesse di questa città non possiamo più sopportare il silenzio assordante dell’Amministrazione Metropolitana in materia di diritto allo studio” afferma Davide Lavermicocca, coordinatore dell’Unione degli Studenti Bari.
“A seguito di una capillare mappatura delle problematiche relative ad edilizia scolastica e rete di trasporto pubblico, in tutte le scuole della città, il quadro che ne è emerso fa paura. Circa 1 scuola su 5 necessita di interventi di manutenzione urgente, il 70% degli Istituti scolastici hanno problemi più o meno gravi relativi alla struttura, gli autobus sono quasi sempre sovraffollati, molte linee arrivano costantemente in ritardo e non permettono agli studenti di arrivare in orario a scuola o tornare in tempi celeri a casa” continua lo studente.
“Chiediamo che l’Amministrazione Metropolitana assuma il diritto allo studio come prioritario nell’agenda politica. Lo scorso gli investimenti relativi all’edilizia scolastica sono stati pari a 0€: chiediamo un’inversione di rotta. Pretendiamo finanziamenti in edilizia scolastica, il miglioramento della rete di trasporto pubblico e l’ampliamento della fascia dei beneficiari del comodato d’uso gratuito dei libri di testo. Presenteremo, ancora una volta, il 17 febbraio, nella seconda seduta del Tavolo Tecnico permanente in materia di diritto allo studio ottenuto con l’Amministrazione a seguito delle nostre mobilitazioni, la situazione al Sindaco Antonio Decaro, l’Assessore Paola Romano e il Delegato Metropolitano all’edilizia scolastica Vito Lacoppola. Non possiamo più vivere in questa situazione: MO AVAST!” conclude Lavermicocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *