Viabilità lungo la Basentana, sopralluogo dei tecnici Anas e dell’assessore lucano Merra

Sui 60 chilometri di Basentana dove sono in corso o sono stati progettati i lavori per la realizzazione delle barriere spartitraffico gli interventi si concluderanno “entro la fine del 2023”: lo ha annunciato l’Anas, dopo un sopralluogo. Alle verifiche hanno partecipato l’assessore regionale alle infrastrutture, Donatella Merra, il responsabile Anas Basilicata, Carlo Pullano, e il responsabile della gestione rete, Antonio Lippolis.
L’Anas ha spiegato che “ad oggi sono state installate barriere spartitraffico per circa 15 chilometri ed entro l’anno è prevista la realizzazione dell’installazione dello spartitraffico per circa la metà dei 60 km totali previsti; su un totale di 16 interventi previsti, allo stato attuale sono in corso dieci interventi, per 64 milioni di euro complessivi; un altro intervento (del valore di 6,4 milioni di euro) è in fase di avvio, mentre sono in progettazione i restanti interventi per un totale di oltre 140 milioni di euro”.
    Sempre dal punto di vista tecnico, “la suddivisione degli interventi – anche allo scopo di evitare, per quanto possibile, la concomitanza di troppi cantieri – è in sei distinti stralci, a loro volta suddivisi per un totale di 12 lotti, corrispondenti a diversi affidamenti ad imprese realizzatrici. Sono inoltre previsti quattro interventi di ‘completamento’ (cioè di allargamento della sede stradale e di installazione delle barriere laterali di protezione) per alcuni tratti che, inizialmente, saranno interessati soltanto dalla posa in opera dello spartitraffico centrale, proprio allo scopo di dare priorità a questo intervento”.
    L’Anas ha ricordato il suo “impegno” per l’intervento sulla Basentana, “per un investimento complessivo di oltre 210 milioni di euro”, e il fatto che sulla strada si sta installando “uno spartitraffico centrale in calcestruzzo di ultima generazione, progettato direttamente da Anas secondo i più moderni standard dettati dalla tecnologia più avanzata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *