Audizione in quarta Commissione della Regione Basilicata sull’indennità dei medici dell’Asm

La quarta Commissione (Politica sociale) del Consiglio regionale della Basilicata, presieduta da Massimo Zullino (Lega), nella seduta di ieri ha audito il direttore amministrativo dell’azienda sanitaria locale di Matera Raffaele Giordano  sulle presunte indennità illegittime corrisposte ai medici dell’Asm nel corso degli ultimi anni.

In apertura di seduta il presidente Zullino ha ricordato che nella seduta scorsa sulla questione erano stati ascoltati i rappresentanti sindacali dei lavoratori.

“La vicenda – ha detto Giordano – è stata scoperta nel marzo 2019 quando l’Azienda ha compiuto una ricognizione sui fabbisogni di personale per determinare,  rispettando il tetto di spesa, le esigenze quali-quantitative di assunzione del personale. I medici ci hanno evidenziato che per anni erano state pagate reperibilità pomeridiane. Nel contratto nazionale di lavoro (quello del 2002-2005, rimasto in vigore sotto l’aspetto giuridico fino al nuovo del 19 dicembre 2019) l’articolo 17, comma 3 dice che la pronta disponibilità è un servizio limitato ai soli periodi notturni e festivi. Sulla vicenda – ha continuato – è seguita un’analisi difficile e complessa sfociata in un Collegio di direzione il 19 aprile 2019 e in un incontro con la delegazione trattante il 3 maggio successivo. In delegazione trattante, i rappresentanti sindacali si sono dichiarati contrari a un’interpretazione illegittima delle norme.

Conseguentemente – ha detto – abbiamo dovuto avviare un iter di richiesta di restituzione delle somme indebitamente percepite dopo aver interessato l’ufficio legale secondo il quale ogni decisione sull’eventuale danno erariale dovrà essere rimessa alla magistratura contabile. Sulla base di questo parere, abbiamo quindi inviato due lettere: una ai medici e l’altra alla Corte dei conti. Dopo il clamore suscitato da questa vicenda il direttore generale del dipartimento Salute ha inteso approfondire alcuni aspetti dell’iter amministrativo e ci ha chiesto di sospendere quanto posto in essere e cioè la richiesta di restituzione delle somme percepite dai medici ai quali stiamo comunicando tale decisione”. 

Sull’argomento sono intervenuti, oltre al presidente Zullino, i consiglieri Vizziello, Acito, Pittella, Cifarelli, Perino e Braia. Da alcuni la richiesta di comprendere le responsabilità degli atti invalidi e come e perché si è arrivati ad autorizzare i turni di servizio, ma anche la necessità di trovare soluzioni al problema. La minoranza ha chiesto che sull’argomento venga audito anche il dirigente generale del dipartimento salute e lo stesso assessore Leone.

Hanno partecipato ai lavori della Commissione, oltre al presidente Zullino, i consiglieri Bellettieri e Acito (Fi) Perrino (M5s), Aliandro (Lega), Baldassarre (Idea), Cifarelli (Pd), Vizziello (Fdi), Polese e Braia (Italia Viva) e Quarto (Basilicata Positiva) e Pittella (AB).

LC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *