La reliquia di Santa Bernadette ha visitato la Diocesi di Tricarico dal 2 al 5 maggio.

“Bernadette, donna umile e semplice. Prima condizione per accorgersi che Dio ci ama è l’umiltà, cioè riconoscere che abbiamo bisogno di lui ma, nello stesso tempo, occorre avere un cuore semplice, che riconosce che Dio basta”, ha detto monsignor Orofino. La reliquia di Santa Bernadette ha visitato la Diocesi di Tricarico dal 2 al 5 maggio scorso ed è stata portata dai volontari della sottosezione di Tricarico “Maria Marchetta” della sezione lucana dell’Unitalsi. La reliquia è arrivata nel santuario diocesano della Madonna di Fonti alle 18.00 di mercoledì 2 maggio, dove i fedeli l’hanno accolta con la recita del Santo Rosario e poi, alle ore 20.00, la reliquia è arrivata a Tricarico, al rione Santa Maria, dove ad attenderla c’erano il Vescovo, monsignor Vincenzo Orofino, l’amministrazione comunale e moltissimi fedeli che si sono incamminati in processione con le candele accese verso la parrocchia di Sant’Antonio da Padova. Dopo la recita del Rosario, monsignor Orofino ha aperto la sua riflessione ha detto che, “attraverso la preghiera, noi vogliamo dire grazie al Signore per il dono della fede”. Poi ha spiegato che Dio, per donare la fede, si serve di eventi, di circostanze e di persone attraverso cui dona il suo amore e ha aggiunto che la fede è “accogliere il suo amore nella nostra vita e corrispondere, con tutta la nostra vita, a Dio che ci ama”. Riferendosi a Santa Bernadette, ha proseguito dicendo che la Santa “ci dice anche la modalità con cui ci si abbandona a Dio o, meglio, ci indica le condizioni per abbandonarsi a Dio: Bernadette è una donna umile e semplice. Prima condizione per accorgersi che Dio ci ama è l’umiltà, cioè riconoscere che abbiamo bisogno di lui ma, nello stesso tempo, occorre avere un cuore semplice, che riconosce che Dio basta”. Monsignor Orofino ha anche sottolineato che non basta soltanto il cuore, perché occorre avere anche uno sguardo puro e libero capace di guardare, non solo di vedere, per entrare in sintonia con chi si vede. “Bernadette vede Maria – ha detto il Vescovo – e il suo cuore diventa un tutt’uno con il cuore di Maria, resta stupefatta dallo sguardo di Maria, si sintonizza con lo sguardo di Maria e con il cuore di Maria. Una sintonia che porta Bernadette ad ascoltare la parola di Maria”. Questo è il semplice messaggio della ragazza scelta da Dio per comunicare il suo amore. Giovedì 3 maggio, a Tricarico, la reliquia ha visitato l’ospedale distrettuale “Rocco Mazzarone” e il Polo riabilitativo “don Carlo Gnocchi” ed è partita per Grassano, accolta in piazza Purgatorio per la processione fino alla chiesa Madonna della Neve. Venerdì 4 maggio, la reliquia ha visitato la Scuola secondaria di primo grado e l’Istituto tecnico commerciale e, nel primo pomeriggio, è arrivata nella parrocchia Madonna di Pompei di Garaguso scalo. Dopo la celebrazione dei Vespri e l’adorazione, la reliquia è andata a Stigliano, accolta in piazza Monumento e portata in processione nella Chiesa Madre. Sabato 5 maggio, infine, dopo la messa mattutina nella Casa di riposo “Hostilianus”, la recita del Rosario nella cappella dell’ospedale e la messa pomeridiana nella chiesa dei Sacri Cuori, la reliquia di Santa Bernadette è partita per Lauria.

                                                                                                                                                                                                         Vito Sacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *