Coltivava la marijuana nella camera da letto

Un giovane 21enne materano è stato arrestato per coltivazione e spaccio di sostanza stupefacente. Nella camera da letto della sua abitazione è stata infatti trovata una serra dove coltivava piantine di marijuana.

Gli agenti della Volante della Polizia di Stato hanno proceduto su questa via Trabaci al controllo di un’autovettura condotta dal giovane.

Alla vista dei poliziotti il ragazzo ha mostrato evidenti segni di agitazione.

Insospettiti, gli agenti hanno perquisito sia l’autoveicolo che il giovane, trovandogli nel portafogli gr.0,5 di hashish.

Si sono poi recati a casa del giovane, che risulta incensurato, per proseguire la perquisizione.

Qui hanno trovato, sistemata nella camera da letto, una piccola serra realizzata in maniera artigianale, riscaldata da una serie di lampade ed aerata da un ventilatore. All’interno prosperavano diverse piante di marijuana, sistemate in appositi vasi. La serra era dotata di tutto l’occorrente per la coltivazione, tra cui tre timer utilizzati per temporizzare l’accensione e lo spegnimento della ventola e delle lampade ed una bustina contenente vari semi di canapa.

Nella stanza adibita a soggiorno sono stati poi rinvenuti sei pezzi di hashish per complessivi gr.14,6, nonché vari strumenti ed oggetti utili per tagliare e confezionare la droga: bilancino elettronico di precisione, coltello a serramanico con residui di hashish, varie bustine di cellophane e carta stagnola, due trinciatori per tabacco, rotoli di carta gommata e una pistola per termocolla. Tutto il materiale rinvenuto sopraelencato è stato sequestrato insieme alle piantine di marijuana.

Prima di essere condotto in carcere, il giovane è stato inoltre sottoposto ad accertamenti presso il locale ospedale civile perché gli atteggiamenti manifestati lasciavano supporre che avesse guidato sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

In attesa di conoscere l’esito degli accertamenti, sia la patente che il veicolo del giovane sono stati trattenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *