Condannati due foggiani per la morte di un 26enne in una discoteca della periferia cittadina

Fu picchiato a morte in una discoteca alla periferia di Foggia nell’ottobre 2018. A quasi 4 anni di distanza da quell’episodio, si è celebrato con rito abbreviato, il processo per la morte del 26enne di Cerignola, Donato Monopoli. La sentenza emessa è di pene comprese tra gli 11 e i 15 anni di reclusione.

Il giovane morì dopo sette mesi di coma presso l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Il giudice foggiano ha condannato Francesco Stallone a 15 anni e 6 mesi, mentre Michele Verderosa a 11 anni e 4 mesi. Per entrambi l’accusa è di omicidio volontario; il giudice ha riconosciuto le attenuanti generiche. Il pm Roberto Galli aveva chiesto per entrambi una condanna a 14 anni e 4 mesi di reclusione.
Nel corso del processo si sono costituiti parte civile i genitori e i fratelli di Donato Monopoli, insieme all’altro giovane aggredito in discoteca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *