Edilizia, emendare il protocollo d’intesa Regione-imprese

La Filca Cisl Basilicata torna sul protocollo d’intesa siglato nei giorni scorsi da Regione Basilicata e organizzazioni imprenditoriali (senza il sindacato) che autorizza le banche ad anticipare i crediti vantati dalle imprese edili per i lavori pubblici completati. Il segretario generale Michele La Torre critica la scelta di tenere fuori dalla discussione il sindacato che pure si era fatto promotore di una proposta in tal senso in documenti e incontri ufficiali, non ultimo il convegno promosso da Filca, Fillea e Feneal nello scorso novembre a Potenza.

“È positivo che le ditte che hanno lavorato bene e nei tempi stabiliti ottengano il pagamento dei lavori effettuati – riconosce La Torre – ma l’apertura di credito concessa dalla Regione ci pare senza condizioni, infatti, stando alle informazioni che abbiamo ricevuto, a beneficiarne saranno sia le imprese che hanno pagato regolarmente i lavoratori e saldato le relative spettanze contributive, sia quelle inadempienti in tutto o in parte”.

Per il segretario della Filca Cisl lucana “il fatto che le organizzazioni sindacali siano state tenute fuori dalla discussione, oltre ad essere un cattivo esempio di concertazione, ha prodotto un documento che è lecito considerare sbilanciato dalla parte delle imprese in quanto non presenta alcuna forma di garanzia per i lavoratori. Per questo – conclude La Torre – chiediamo la convocazione di un nuovo incontro per discutere e condividere una serie di emendamenti finalizzati a premiare le ditte serie che rispettano le regole e ad assicurare le necessarie garanzie retributive e contributive ai lavoratori edili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *