Giannini: “Dal 2016 il tunnel sottopassaggio tra Bari Centrale Fs e stazione Ferrotramviaria-Metrò Aeroporto”

L’assessore ai trasporti Giovanni Giannini comunica che, nel corso di una riunione operativa che si è tenuta ieri presso gli uffici dell’Assessorato con rappresentanti di Rfi, Grandi Stazioni, Comune di Bari e FBN, sono stati chiariti i tempi di realizzazione dell’intervento che permetterà una migliore fruibilità dell’attraversamento pedonale che unisce via Capruzzi al piazzale Ovest della stazione di Bari centrale e all’adiacente stazione della Ferrotramviaria-FBN. L’intervento, a cura della società Grandi Stazioni del gruppo FS all’interno delle più ampie opere di restyling della stazione di Bari Centrale, consisterà nel prolungamento del tunnel di collegamento che dal secondo fronte della stazione di Bari Centrale (quello, appunto, di via Capruzzi) sbocca attualmente nel piazzale Ovest della stessa; il prolungamento raggiungerà la stazione della Ferrotramviaria, situata, come noto, in trincea.
Per i lavori si prevede l’aggiudicazione per settembre 2016 e la conclusione per la fine del 2017. L’opera garantirà una maggiore permeabilità della “barriera” costituita dal fascio di binari consentendo agli utenti provenienti dalle zone cittadine poste a sud della stazione di accedere direttamente anche al piazzale di stazione delle Ferrovie Bari-Nord.
L’impatto maggiore si avrà comunque relativamente agli spostamenti da e per l’aeroporto: il prolungamento,infatti,consentirà ai passeggeri, provenienti da ogni parte della Puglia,che arrivano a Bari su mezzi Trenitalia di raggiungere direttamente la Stazione Centrale di Ferrotramviaria e quindi l’Aeroporto Karol Wojtyla e, analogamente, ai passeggeri provenienti dall’Aeroporto di accedere direttamente alla stazione RFI di Bari centrale al fine di raggiungere la meta finale dei propri spostamenti senza necessità di ulteriori perditempo come avviene ancora oggi.
La valenza dell’intervento è resa evidente dalle statistiche relative al traffico passeggeri durante l’estate appena trascorsa: il 60% dei passeggeri di FBN provenienti dall’aeroporto ha poi utilizzato i mezzi Trenitalia per raggiungere la propria destinazione finale. L’intervento descritto, pur nella sua relativa semplicità tecnica, costituisce un importante tassello della strategia regionale sancita nel Piano Attuativo del Piano Regionale dei Trasporti, in corso di approvazione,e mirata alla piena interconnessione e interoperabilità delle reti ferroviarie, grazie anche all’investimento regionale di 83 milioni di euro finalizzati all’attrezzaggio delle ferrovie regionali con i sistemi di sicurezza SCMT.
Tale strategia – avviata con la realizzazione dell’impianto ascensore fra le stazioni centrali FAL e FBN e proseguita con il varo del biglietto unico fra le stesse società ferroviarie – troverà nel collegamento fra la stazione FBN di San Girolamo e la stazione RFI di Bari centrale (c.d. V Ovest) un’ulteriore espressione: tale realizzazione, i cui tempi di conclusione sono compatibili con la tempistica prevista per il collegamento del tunnel,consentirà infatti ai treni della società Ferrotramviaria di raggiungere la stazione di Bari centrale non più solo in trincea fornendo un ulteriore binario di ingresso nel nodo ferroviario di Bari, tanto per i mezzi di Trenitalia che per quelli di FBN, in modo da garantire l’abbattimento delle frequenze dai 40’ attuali a 30’ a regime.
“Stiamo creando un sistema che consentirà la piena intermodalità e interoperabilità fra le reti ferroviarie. A regime – spiega l’Assessore Giannini – sarà possibile per un passeggero proveniente dall’estremo sud o nord della regione arrivare in aeroporto senza cambiare mai mezzo. Un risultato degno di un moderno ed efficiente sistema di trasporto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *