L’allarme lanciato da Confcommercio: “Nel 2020 ben 2500 aziende hanno cessato l’attività”

“2500 aziende hanno chiuso i battenti nel 2020 in Basilicata. Un dato che suscita grande preoccupazione, pur se non difforme dal dato nazionale, che vede in grande pericolo la sopravvivenza della piccola e media impresa. Le chiusure in provincia di Matera sono state 971 e 1.531, in provincia di Potenza, tra queste il dato più alto riguarda il commercio con la chiusura di oltre 300 negozi ed esercizi di somministrazione in provincia di Matera e più di 500 in provincia di Potenza, tra i quali vi sono sia start-up che ditte storiche. La causa contingente è senz’altro da ricercarsi nella pandemia, che ancora mette in ginocchio la nostra economia, come quella del resto del Paese e dalla quale ci si augura di poter uscire. Il Governo nazionale e regionale adottino le strategie più opportune non solo sul piano sanitario ma anche a sostegno della sopravvivenza e della ripresa economica”. Lo ha detto il Presidente di Confcommercio della provincia di Matera, Angelo Tortorelli..
“Uno dei provvedimenti può essere il consolidamento della debitoria, trasformandola da breve a medio e lungo termine, mentre l’altro deve passare attraverso la riapertura in sicurezza delle esercizi. – ha detto Tortorelli  – Queste istanze sono state anche affidate a Confcommercio Nazionale perché se ne faccia portavoce nelle competenti sedi ministeriali. Il tessuto produttivo dell’area materana, aveva indubbiamente vissuto una fase espansiva in concomitanza con l’evento legato alla Capitale Europea della Cultura 2019. L’evento nefasto Covid ha arrestato lo slancio ed ha esposto gli investimenti a rischio elevatissimo. E’ necessario aiutare la piccola impresa a superare quelli che sembrano dover essere gli ultimi mesi di restrizioni alla libera circolazione delle persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *