Mancusi sull’avviso per i contributi alle imprese

“In riferimento alle richieste pervenute circa la riapertura dei termini dell’Avviso di concorso, afferente la concessione di contributi ad Imprese di costruzioni per la realizzazione di nuovi alloggi da alienare a soggetti in possesso dei prescritti requisiti di legge, scaduto il 16 Agosto 2012, ritengo, pur condividendo lo spirito che ha animato l’iniziativa, le stesse non accoglibili”. Lo dichiara l’assessore alle Infrastrutture, Opere pubbliche e Mobilità della Regione Basilicata, Agatino Mancusi, in una nota indirizzata al segretario regionale della Cna, Leonardo Montemurro, e al consigliere regionale-capogruppo del Mpa, Francesco Mollica, che avevano chiesto la riapertura dei temini per l’Avviso di concorso destinato ad Imprese di Costruzioni/Ati.

Il vicepresidente della giunta regionale spiega, nel prosieguo della missiva, le ragioni della non accoglibilità: “Le prescrizioni contenute in un Avviso di un bando di concorso vincolano non solo i concorrenti ma anche la stessa Amministrazione che non conserva più alcun margine di discrezionalità nella loro concreta attuazione, non potendo disapplicarle, atteso che il formalismo che caratterizza le procedure di gare risponde, per un verso, ad esigenze pratiche di certezza e celerità e, per altro alla imparzialità dell’azione amministrativa e la parità di condizioni tra i concorrenti.

Tali principi risultano ancor più saldi quando, come nel caso che ci occupa, il termine per la presentazione delle domande di partecipazione alla gara sia già da tempo scaduto.

Con la pubblicazione dell’Avviso di concorso approvato con Dgr n.704 del 5.6.2012 e pubblicato il 16 Giugno 2012, è stato stabilito, per la presentazione delle domande/dichiarazione di partecipazione al concorso, il termine più che congruo di 60 gg. che ha consentito un’ampia partecipazione delle imprese richiedenti il contributo regionale, confermata anche dal numero di domande pervenute.

La stessa modalità di partecipazione alla gara, consistita, nell’invio di una semplicissima dichiarazione, sia sul possesso dei requisiti e sia delle priorità, senza imporre l’allegazione di documentazione o certificazione o attestato che potevano rendere difficoltosa la predisposizione della medesima domanda di partecipazione, anche in considerazione della coincidenza del termine di scadenza del concorso con il periodo feriale, costituisce segno indelebile dell’impegno dell’Ufficio competente a favorire la massima partecipazione dei potenziali concorrenti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *