Matera, approda il documento unico di programmazione in consiglio comunale

E’ approdato oggi, in Consiglio comunale, il documento unico di programmazione. Si tratta di un atto molto importante che dovrebbe definire lo scenario dei prossimi anni offrendo all’ Amministrazione comunale di Matera l’opportunità di indicare la direzione di marcia, gli strumenti per organizzare politiche di sviluppo, linee strategiche per il futuro della nostra città. E’ davvero singolare l’assoluta inadeguatezza del documento che ci è stato presentato: decine di pagine vuote e nessun riferimento a programmi che pure sono in essere. Fa specie non trovare alcuna proposta in settori in cui Matera ha maturato grandi esperienze ed ha accumulato un patrimonio che è invidiato da tante altre comunità in Basilicata e nel Paese. Non si dice una parola sulla valorizzazione dei beni culturali e sulle attività culturali (pagina. 50); nulla sulle politiche giovanili pur avendo il Consiglio comunale approvato la costituzione della consulta; niente persino nella pagina, la 51, dedicata al turismo. In quella che è ormai diventata una delle mete turistiche più importanti in Italia, l’Amministrazione comunale non spende una sola parola per definire la prospettiva che si apre davanti a noi, neppure in vista del grande appuntamento del 2019. Nulla alle pagine 54,55,58,60,61,62,63,64 su tutela ambientale, trasporti e mobilità, tutela della salute, lavoro e formazione professionale, agricoltura, energia e fonti energetiche, relazione con le autonomie locali, relazioni internazionali, vale a dire su tutti settori di enorme interesse per Matera e su cui la città ha costruito il grande progetto di capitale europea della cultura.
L’amministrazione comunale dispone di buone professionalità anche molto costose che si occupano specificamente di pianificazione strategica e non è riuscita a presentare in Consiglio comunale un documento degno di qualche attenzione. In verità il grande problema è che Matera non ha una guida politico-amministrativa. Il sindaco sembra cadere dalle nubi ogni qualvolta si affronta un problema è minimizza su tutto. Questa situazione ci porterà fuori strada con conseguenze pesanti per l’intera comunità.

Salvatore Adduce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *