Via libera all’acquisto del Palazzo dell’Acquedotto

Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la delibera per la “acquisizione al patrimonio comunale del Palazzo storico dell’Acquedotto Pugliese sito in Altamura in via Fiume e piazza Aldo Moro”.

Un anno fa la Giunta comunale aveva espresso l’intenzione di esercitare il diritto di prelazione sull’acquisto dell’immobile, rimasto vuoto dopo il trasferimento dello sportello locale dell’Aqp in via Ostuni. Sono seguiti contatti con l’Ente idrico e si è giunti ad una valutazione di 780.000 euro quale prezzo di acquisto. I fondi sono già stanziati nel Bilancio.

L’Assise, quindi, ha deliberato l’esercizio del diritto di prelazione e l’acquisizione al patrimonio del Comune. Il Palazzo dell’Acquedotto è destinato ad “attività museale” da definire in futuro.

Il Palazzo dell’Acquedotto in via Fiume, angolo viale Martiri, è dichiarato di interesse storico-culturale sulla base della normativa vigente. E’ stato realizzato nel periodo fascista (anni ’30). Tra le opere in muratura di Acquedotto Pugliese è tra le più suggestive. La linea compositiva dell’edificio, anche sede di un serbatoio pensile per l’accumulo delle acque, si ispira allo stile romanico pugliese. Il caratteristico bugnato di colore bianco ne rende più imponente l’aspetto e ne sottolinea visivamente l’importanza rispetto alle costruzioni circostanti. Il serbatoio (funzione originaria dell’immobile) è stato studiato dal prof. Edoardo Orabona che all’epoca fu ordinario di Costruzioni Idrauliche all’Università di Bari e Preside della Facoltà di Ingegneria.

L’immobile si sviluppa su quattro livelli (piano terra e tre piani). La superficie complessiva è di 1836 mq, comprendendo anche una pertinenza esterna a verde privato.

Nel corso della seduta odierna sono state discusse anche alcune interpellanze delle forze di minoranza a cui hanno risposto i competenti assessori della Giunta. Durante i lavori, inoltre, è stata data la parola al comitato “Il cuore di Altamura” – presente con numerosi cittadini – per la lettura di un documento sul centro storico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *